Andiamo a zonzo in un’escursione ad anello “un po’ a caso” attorno al lago di Fimon, nel cuore dei colli Berici. Attraverso boschi e prati gremiti di tovaglie da picnic, abbiamo molte possibili camminate attorno a questo lago.

Continuiamo a restare su basse quote visto l’inverno nevoso e ci spostiamo al lago di Fimon nei Colli Berici.
L’escursione è stata decisa all’ultimo, per cui ci siamo inoltrati un po’ a caso nei boschi attorno al lago!

Arrivati verso l’ora di pranzo c’è già probabilmente mezza provincia di Vicenza a farsi il classico picnic sull’erba. Troviamo -per grazia divina- un parcheggio all’incrocio tra via lago di Fimon e via Boeca e ci incamminiamo proprio lungo via Boeca.

lungo via Boeca

lungo via Boeca

Mi pento subito d’aver scelto gli scarponcini, credendo di imbattermi in chissà che terreni impervi, delle scarpe da ginnastica andavano più che bene!

Seguiamo per un po’ la strada asfaltata e superato un ponte giriamo a destra salendo per un sentiero erboso senza troppe difficoltà

incrocio via Boeca

seguiamo i ciclisti

Attraversiamo un sottobosco molto rado che taglia tra pendii erbosi e una continua vista sul lago. Il sentiero termina all’abitato di Chiesa Vecchia.

vecchie abitazioni a Chiesa Vecchia

vecchie abitazioni a Chiesa Vecchia

Bighelloniamo un po’ per le vie di questa frazione e vista l’assoluta quiete (l’una di pomeriggio, saranno tutti a pranzo) ci fermiamo su un muretto lungo la strada a contemplare le colline circostanti.

Ritornati all’imbocco del sentiero, continuiamo a scendere per la stradina asfaltata, ci lasciamo alle spalle una fontana e proseguiamo su una carrareccia sterrata.

il sentiero che scende dalla fontana di Chiesa Vecchia

bivio sul sentiero che scende dalla fontana di Chiesa Vecchia

Da qui si può scegliere se continuare a scendere e raggiungere rapidamente il lago o, come decidiamo noi, prendere la prima svolta a sinistra, in salita…ovviamente.

Il sentiero continua a salire lungo il bosco fino ad immettersi nell’AltaVia dei Colli Berici. Giunti a un trivio pieghiamo a destra (anche se il sentiero era sbarrato da un tronco) e in una ventina di minuti facciamo ritorno al lago.
Piccola nota: quest’ultimo tratto non faceva parte del circuito dei sentieri del lago di Fimon e quindi mancava di cartelli. Se avete tempo a disposizione, però, basta sempre fare riferimento a dove si trova il lago per non allontanarsi eccessivamente.

vista sul lago di Fimon

vista sul lago di Fimon

Raggiunto il sentiero che costeggia il lago ci fermiamo giusto il temo per fare qualche foto e ritornare alla macchina.

riva lago Fimon

sulla riva del lago

Qui trovate segnati i vari percorsi lungo il lago oppure al parcheggio dell’Imbarcadero trovate un cartello con i percorsi indicati.

L’escursione si è rivelata piacevole, in attesa di tempi più caldi per raggiungere vette più nobili. L’unico accorgimento è di non arrivare troppo tardi data la massiccia presenza di campeggiatori.

Tempo 3 ore
Lunghezza 10 km (variabile ovviamente in base alle deviazioni prese!)

08 Aprile 2018


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.