Ai piedi  dell’imponente gruppo del Civetta, oggi raggiungiamo il rifugio Tissi da capanna Trieste. Un’escursione incredibile ai piedi di uno dei più massicci gruppi dolomitici.

Lunghezza: 4 km – altezza 1000 m, numeri che fanno girare la testa direbbe l’ingegner Cane!
Sono le cifre che meglio raccontano l’impressionante muraglia di roccia del Civetta,  l’imponente gruppo che domina la conca agordina e svetta sul lago di Alleghe.

Partiamo da capanna Trieste (1135 m) alle otto e mezza, il parcheggio è già quasi al completo. Ormai siamo sempre più vicini a ferragosto e si vede!

Seguiamo il largo sentiero 555 che dapprima pianeggiante supera un piccolo torrente per poi iniziare a salire su ampi tornanti.

Civetta

Stiamo salendo da neppure un’ora ma già il Civetta si mostra con i suoi imponenti bastioni: torre Trieste e torre Venezia.

Torre Trieste

Torre Trieste

Torre Venezia

Torre Venezia

Saliti tutti e undici i tornati, ci immergiamo in un breve tratto di bosco che porta alla nostra prima tappa, il rifugio Vazzoler (1714 m)

La giornata è dannatamente calda, e la tappa è obbligatoria per rinfrescarci all’ombra del rifugio!

Rifugio Vazzoler

Rifugio Vazzoler

Riprendiamo il cammino ora sul sentiero 560 che dopo una decisa salita nel bosco ci porta su una bella radura in cui possiamo iniziare ad ammirare la parete nord-ovest del Civetta quasi nella sua totalità.

Civetta

vista sul parete nord-ovest del Civetta

Affrontiamo questo tratto pianeggiante (ottimo per riposare gambe e fiato) incrociando parecchie mucche che si godono un panorama mica male.
In lontananza poi qualche marmotta dispettosa continua a fischiare senza però farsi vedere, peccato!
Iniziamo ad intravedere il rifugio Tissi, ma è ancora un punto lontano.

Superata la radura, il sentiero riprende a salire in un rado sottobosco verso la meta, lasciamo perdere le deviazioni direttissime al rifugio e ci manteniamo sulla destra.
Si sale senza sosta, per fortuna una distesa di rododendri in fiore ci da un’ottima scusa per una breve pausa per qualche foto!

Civetta

Rododendri

Ammetto che con un po’ di fatica nelle gambe attacco l’ultima salita che porta al col di Rean dove finalmente arriviamo al rifugio Tissi (2250m).

Rifugio Tissi

Rifugio Tissi

Facciamo un ultimo sforzo per salire gli ultimi metri e raggiungere la croce di vetta e goderci il panorama…wow!

Alleghe

Lago di Alleghe

La giornata non è limpidissima ma svettano davanti a noi tutti i monti della conca del Cadore e per i più coraggiosi uno sguardo dallo strapiombo sul lago di Alleghe. Oltre il Civetta poi si riconosce chiaramente il monte Pelmo, che abbiamo attraversato la scorsa settimana.

Pelmo

Monte Pelmo

Ormai è ora di pranzo, la terrazza del rifugio è un ottimo posto per il meritato riposo.

Dal Civetta alcuni nuvoloni poco simpatici ci dicono che è meglio rimettersi in viaggio se non vigliamo farci una doccia non prevista.

Civetta

solo una parte della parete del Civetta

Col Rean

una mucca ci osserva sospettosa

Facciamo rientro dallo stesso percorso dell’andata.

Scarica la traccia gpx

Ascesa totale 1594 m
Discesa totale 1610 m
Altezza max 2250 m
Altezza min 1123 m
Lunghezza 19 km
Durata 6h30′ A/R
Difficoltà Escursionistico per il dislivello. Il terreno non presenta mai difficoltà tecniche
Note Al Tissi si può arrivare anche dal rifugio Coldai. Questa escursione però permette un viaggio completo lungo la parete nord-ovest del Civetta.
Come arrivare  (Link Google Maps) Dalla strada principale di Agordo si svolta per la stretta strada che attraversa Listolade e porta al parcheggio di capanna Trieste.

05 Agosto 2018
Ripetuto il 20 Luglio 2020

Facebook Comments

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Guarda i VIDEO delle escursioni!