Una scala santa verso…le Dolomiti di Brenta! Da Pinzolo raggiungiamo il rifugio XII Apostoli. Un’escursione impegnativa ma assolutamente imperdibile nel parco Adamello-Brenta

Sono le 3 di notte e piove. Nella camera d’albergo a Pinzolo non riesci a dormire rimuginando sulla prossima escursione.
Si farà? Non si farà?
La pioggia continua a scendere e te da buon veneto lanci qualche maledizione.
La mattina ha smesso di piovere ma resta nuvoloso. Niente paura ti dice l’albergatore lanciando un rapidissimo sguardo alla finestra, ha già scaricato di notte e vedrai che adesso si apre.
Grazie! Mai previsioni hanno portato peggio!

Dal centro di Pinzolo prendiamo la funivia che sale a Prà Rodont e la seggiovia fino a Doss del Sabion (2101 m), punto di partenza di questa escursione.

Doss del Sabion

Seguiamo il sentiero 357 che scende su una larga cengia erbosa fino ad arrivare al Passo Bregn de l’Ors (1848 m)  dove un pascolo di mucche si gode placido il panorama…beate loro!

Passo Bregn de l’Ors

Guardiamo verso le vette rocciose che ci aspettano e -ahimè- le nuvole non sono molto promettenti.

Continuiamo a scendere, adesso nel bosco su una comoda mulattiera,  fino ad arrivare nella val Nardis, dove parte la teleferica che sale ripida per il rifugio.

Piano di Nardis o Lago Asciutto

E’ arrivato il momento di tirare il fiato per il pezzo che ci aspetta.
Il sentiero 307 continua infatti per la Scala Santa. Sì, il nome è abbastanza evocativo.
Ovviamente quella che ci aspetta non è una scala nel senso canonico, più che altro una semplice scalata.

L’inizio della salita

Per arrivare al rifugio XII Apostoli dobbiamo infatti superare questa parete con qualche brevissimo tratto attrezzato.
Non si tratta di difficoltà alpinistiche o da ferrata, basta fare attenzione  a dove e come si mettono i piedi.

La scala santa

Incontriamo anche un signore con tre bambine (9, 10 e 11 anni, complimenti!) che ci racconta un po’ la storia dell’itinerario. Prima della teleferica, la vecchia gestrice del rifugio si faceva questa “scalata” per rifornirsi di viveri, e a metà percorso si fermava anche per una preghiera al santino della Madonna.

Attraversiamo adesso un semplice ghiaione seguendo l’evidente pista, manca l’ultima parte della scala!


Anche se affaticati dalla salita la scalata su facili roccette è abbastanza divertente e senza particolari difficoltà.

Finalmente arriviamo al rifugio XII Apostoli (2488 m) nascosto alla vista fino all’ultimo e…il tempo promette veramente malissimo!

Rif. XII Apostoli

Cima XII Apostoli

Attraversiamo una semplice cengia  per entrare nella celebre chiesa scavata nella roccia, dove stanno proprio celebrando messa, una situazione parecchio suggestiva!

Entriamo in rifugio giusto il tempo del dolce, le nuvole che si stanno ammassando  sono veramente preoccupanti. Dopo pochi minuti inizia infatti la pioggia accompagnata da una leggera grandinata, giusto per gradire.

Gambe in spalla facciamo ritorno per lo stesso percorso dell’andata.

Scarica traccia gpx

Ascesa totale 1080 m
Altezza max 2459 m
Altezza min 1695 m
Lunghezza 13k m
Durata 5h A/R (soste escluse)
Come arrivare Dal centro di Pinzolo prendere la funivia e la seggiovia fino al Doss del Sabion
Difficoltà Escursionisti esperti. La scala santa richiede una discreta esperienza.
Note Con più tempo (e soprattutto bel tempo) dal XII Apostoli proseguendo per il 341 si può compiere un giro ad anello

24 Agosto 2018

Facebook Comments

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Guarda i VIDEO delle escursioni!