Un’altra imperdibile escursione in Val Passiria. Da Plan raggiungiamo il rifugio Petrarca, un trekking impegnativo, dal dislivello importante, ma di grande soddisfazione.

Dopo la salita ai 3000 m di ieri, ci aspetta un’altra escursione che si prospetta molto faticosa ma sicuramente di grande impatto!

Partiamo ancora una volta dal piccolo centro di Plan e seguiamo il segnavia 8, destinazione di oggi è il rifugio Petrarca!

La prima ora di cammino è ottima per riscaldarci le gambe, una comoda mulattiera nel bosco in leggera salita che conduce prima alla Lazins Hof (1772 m) e in seguito a malga Lazins (1860 m). In questo tratto iniziale siamo accompagnati anche dal rumore del rio Plan che scorre tranquillo affianco al sentiero.

rio Plan

Malga Lazins

La malga sorge alla fine della valle e (ahimè) da qui il sentiero per il rifugio si inerpica ripidamente sul fianco della montagna.

E’ ancora presto per fare una pausa, tuttavia un fortunato incontro con una famiglia di marmotte ci trattiene per una mezz’ora buona. Dopo aver concluso il servizio fotografico completo ci rimettiamo in cammino.

Quelli che ci aspettano sono una serie infinita di tornanti che lasciano veramente poca tregua per riprendere fiato. Man mano che si aumenta di quota però il panorama su tutta la valle si fa magnifico.

la solita posa epica per le foto

Passiamo pian piano dai verdi pendii erbosi alla roccia, il paesaggio cambia lentamente e si fa più aspro rimanendo sempre bellissimo.

Finiti i tornanti attraversiamo una zona abbastanza pianeggiante, ci illudiamo che il rifugio sia vicino ma appena svoltiamo l’angolo eccolo che ci appare ancora molto lontano.

panorama sulla Val Passiria

il rifugio ancora lontano

Meglio fare una pausa, sono già quasi tre ore che camminiamo, troviamo una panca lungo il percorso e ci sgranchiamo un po’ le gambe.

Siamo pronti a ripartire, ancora un’ora di salita senza tregua, intanto delle pecore pascolano pacifiche e rilassate e ci osservano mentre passiamo.

Finalmente proprio quando le energie stanno per finire ecco che il rifugio Petrarca (2875 m) sbuca sopra le nostre teste, arroccato sul bordo della montagna. Anni fa una slavina l’ha danneggiato pesantemente e i lavori di ristrutturazione continuano oggigiorno.

Vicino al rifugio è presente anche un piccolo laghetto alpino dal colore molto particolare.

rifugio petrarca

Prima della pausa decidiamo di resistere ancora dieci minuti e spingerci fino al vicino Passo Gelato (2895 m) per gustarci la vista anche sulla Val di Fosse. Che dire, un panorama che ripaga ogni fatica.

Passo Gelato

panorama sulla Val di Fosse

il rifugio visto dal Passo Gelato

Adesso sì che possiamo permetterci una buona pausa ristoratrice in rifugio prima della lunga discesa che ci aspetta. Ripercorriamo lo stesso sentiero dell’andata e facciamo ritorno a Plan.

Scarica la traccia gps

Durata 7 h 30′ A/R
Lunghezza 21 km
Ascesa totale 1200 m
Altezza min 1600 m
Altezza max 2800 m
Punti di appoggio malga Lazins e rifugio Petrarca
Come arrivare (Link Google Maps) Da Moso in Passiria (BZ) seguire le indicazioni per Plan/Pfelders, la strada termina nel parcheggio a pagamento.
Difficoltà Una lunga escursione con un dislivello da non sottovalutare, consigliata a persone ben allenate. Tecnicamente in assenza di neve non presenta difficoltà. 

20 Agosto 2020

Facebook Comments
Guarda i VIDEO delle escursioni!